Biografia

 ITA - ENG

“Questa cantante, compositrice, arrangiatrice rientra nel novero di quelle vocalist che hanno trovato linee originali utilizzando molteplici materiali e riferendosi a un vasto universo sonoro, che spazia dal mondo euro colto a quello pop, dal minimalismo alle musiche di altri continenti” Maurizio Franco, Jazzit

“Il suo ambito vocale è certamente da collocarsi nelle concezioni contemporanee di ricerca, ma con un ampiezza ed un respiro così ampio da farci volare con la memoria dei sensi anche al nostro grande background europeo classico, con un altalenante sfavillìo di fraseggi sonori dalla preziosità e dalle modulazioni uniche, di grande pregio.” Bruno Pollacci, Anima Jazz

“Una maturità espressiva a tutto tondo: qualità del timbro, estensione, attitudine improvvisativa, personalità, sia nei brani mossi che nelle ballad. Una nuova, bella realtà del jazz italiano.” Vincenzo Fugaldi, Jazzitalia

“Spontanea ed intensa nel muovere le emozioni con un linguaggio sfumato ed un corollario tecnico pari alla bellezza educata e sensuale della sua voce, Daniela non ama nulla di preordinato negli arrangiamenti (…) Quelli che con facilità potevano essere appunti disordinati sulle vicende storiche del canto sono invece il perimetro di un pensiero organico che si muove con agile spontaneità in un assoluto di luci su uno spazio bianco e poetico denso di aggettivi umani, di intelligenza e personalità.” Fabrizio Ciccarelli, Roma in Jazz

“Spalletta evita le linearità per andare alla ricerca di un tessuto espressivo e drammatico nell'interpretazione dei brani. La ricerca di possibilità meno scontate, utili per abbracciare registri differenti e necessità particolari, non si spinge mai a diventare l'ossessione per la scelta rivoluzionaria a tutti i costi.” Fabio Ciminiera, Jazz Convention

“Guizzante nello scat, intensa nell'interpretazione, matura nel sorvegliare la vocalità (lasciandole, però, ampi margini di creatività, come nei sapori orientali di "Manipura") e abile nel piegare il bel timbro ora a trasparenze cristalline ora a toni scuri e sensuali, Spalletta rivela ottime doti di scrittura, firmando tutte le tracce” Gigi Razete, La repubblica

Siciliana, la passione per la musica nasce da bambina, all'età di 14 anni inizia a studiare canto. Nel 2001 consegue la maturità classica, si iscrive alla Facoltà di Filosofia presso l’Università di Catania e parallelamente frequenta il corso di Canto Lirico presso l’Istituto Musicale “V. Bellini” di Caltanissetta. Ha studiato jazz, canto, pianoforte, canto barocco con: Giovanni Mazzarino, Rosalba Bentivoglio, Vito Giordano, Angela Bucci,Michael Aspinall, ecc.

Nel corso della sua formazione ha seguito seminari con: Steve Swallow, Anthony Coleman, Maria Pia De Vito, Cinzia Spata, Huw Warren ecc. E' leader di diverse formazioni jazz, delle quali cura le composizioni e gli arrangiamenti. E’ laureata in Canto Jazz con il massimo dei voti, Menzione e Bacio Accademico  presso il Conservatorio “V. Bellini” di Palermo. 

Incisioni, Pubblicazioni: Nel 2013 ha inciso il suo primo disco da leader dal titolo “D/Birth”, insieme agli Urban Fabula, trio di giovani e talentuosi musicisti siciliani e a Max Ionata come special guest. Il disco, uscito nell' aprile 2015 per l'etichetta romana "Alfa Music", ha ricevuto numerosi consensi di pubblico e critica ed è stato premiato dalla prestigiosa rivista "JAZZIT" con il bollino "Likes it", oltre ad essere inserito nella "100 Greatest Album 2015" della stessa rivista. Nel giugno 2016, l'album vince il "SoundCheck Airplay Music Awards2015/2016" della nota trasmissione radiofonica "SoundCheck" di Radio 24, condotta da Gegè Telesforo, come "Best Italian Jazz". Nel 2015, nell'ambito del Festival Musica Futura - Giovani Vincitori del Premio delle Arti (Pescara), viene pubblicato il live di parte del concerto eseguito per l'occasione con il No Game 5et. E’ autrice, insieme a Norma Winstone, dei testi del disco “Willow: a jazz suite”, lavoro filologico sulla musica di Steve Swallow, uscito nel marzo 2014 in allegato alla rivista “Musica Jazz”; nel disco suonano, oltre allo stesso Swallow, musicisti del calibro di Giovanni Mazzarino, Cinzia Roncelli, Adam Nussbaum, Stefano Bagnoli, Riccardo Fioravanti, Dino Rubino. Nel 2016 esce per Alfa Music "Shemà", il disco del pianista pugliese Donatello D'Attoma, in cui Daniela Spalletta è special guest. Nel giugno 2016 esce in allegato a l'Espresso di Repubblica il disco "Janis", omaggio a Janis Joplin, registrato live alla Casa del Jazz di Roma, insieme a tante jazziste italiane, a cura di Midj per la Collana "Jazz Italiano Live", in cui Daniela Spalletta è vocalist e arrangiatrice dei brani da lei interpretati.

Ha partecipato a numerosi concorsi nazionali e internazionali:nel giugno 2008 è stata terza classificata al Concorso Nazionale "Vittoria Rotary Jazz Award", diretto da F.Cafiso (Vittoria, RG). Nel luglio 2009 vince una Borsa di Studio come migliore studente al Festival "Piazza Jazz ", diretto da Giovanni Mazzarino (Piazza Armerina EN). Nel gennaio 2012 vince il Premio Enzo Randisi (Palermo); nel 2013 in aprile è stata vincitrice del Premio Nazionale delle Arti di Torino con il “No Game 5et” del Conservatorio “V.Bellini” di Palermo;in giugno è stata finalista Premio Internazionale Massimo Urbani (MC);in luglio è stata finalista del Jazz Live Award – Fara Music Festival (RI); del Conad Jazz Contest, con il suo progetto inedito“D/Birth” selezionato fra più di 200 gruppi e del Baronissi Jazz (SA); nell'agosto 2014 è finalista al Barga Jazz Contest con il gruppo "kids Garden"; in ottobre vince il Premio “Lucca Jazz Donna”, con il suo progetto inedito “D/Birth”, insieme agli Urban Fabula e contestualmente il Premio “LJD Ambassador”; in dicembre, vince il Premio Corrado Maranci (Siracusa). Nel maggio 2015, è Terza Classificata al "Premio Abbado" - Sezione Jazz, svoltosi a Roma, presso il Conservatorio "Santa Cecilia". Nel luglio 2015 vince una borsa di studio "Full Tuition" per il master presso il Berklee College of Music di Valencia, oltre al concerto di apertura dell'Umbria Jazz Winter 2015 a Orvieto. Nell'agosto 2015 vince il Tony Scott Jazz Award (Campofelice di Roccella - PA). Nel luglio 2016 vince il Multiculturita Europe Contest (Capurso, BA), con il suo progetto D/Birth, insieme agli Urban Fabula.

Ha partecipato a numerosi festival nazionali e internazionali, fra i quali: Atelier Musicale XX Stagione (Milano), Umbria Jazz (Perugia), Nettuno Suona Jazz (Messina), Rendez Vous De L’Erdre (Nantes), Suona Italiano (Nizza), Modica Jazz Fest (RG), Iseo Jazz (BS), Piazza Jazz (EN), Musica Futura (PE) Django World Music Festival (Malta), Vittoria Jazz (RG), Blue Brass Jazz Club (Palermo), Cool Jazz Festival (Mussomeli) etc. Svolge un' intensa attività didattica in Sicilia, insegnando canto jazz e moderno, laboratorio corale e musica d'isieme. Ha suonato con: Enrico Intra, Max Ionata, Fabrizio Bosso, Riccardo Fioravanti, Giovanni Mazzarino, Israel Varela, Giuseppe Bassi, Nicola Angelucci, Tony Arco, Marco Vaggi, Paolo Passalacqua, Vito Giordano, Orazio Maugeri, Fabrizio Giambanco, Aldo Vigorito, Seby Burgio, Alberto Fidone, Peppe Tringali, Emanuele Primavera, Fabrizio Brusca, Gabrio Bevilacqua etc. E' docente di Canto jazz presso l'Istituto Superiore di Studi Musicali "Arturo Toscanini" di Ribera (AG).

 

Soundcloud:

Kids Garden - You're everything - C. Corea - Arr. D. Spalletta

Lush Life - B. Strayhorn 

The wrong side of love - C. Restivo

 

/