Press

Siracusa, Eccellenze artistiche femminili Mediterranee

In una recuperata piazzetta di via dei Mergulensi, con un pubblico da grandi occasioni, la direzione artistica di Giuseppe Mandalari di Arca, alla ricerca di continue sperimentazioni e novità, è riuscita a concentrare in un'unica serata e su un solo palco differenti eccellenze artistiche del mediterraneo.

Leggi tutto: Siracusa, Eccellenze artistiche femminili Mediterranee

Enrico Intra: “Ottanta!”, Casa del Jazz, Roma, 3 Luglio 2015

Pianista, compositore, arrangiatore e direttore d'orchestra tra i più importanti nella storia del jazz europeo, Enrico Intra non ha bisogno di presentazioni, in quanto a parlare al grande pubblico è la sua eccezionale carriera che lo ha condotto ad affermarsi sin da giovanissimo negl’anni Cinquanta, grazie alla sua capacità di coniugare il linguaggio squisitamente jazz con la musica contemporanea, con le sue composizioni che da sempre hanno sfidato ogni formalismo, spaziando con disinvoltura dal blues alla musica sacra, fino a toccare l’elettronica.

Leggi tutto: Enrico Intra: “Ottanta!”, Casa del Jazz, Roma, 3 Luglio 2015

Al Messina Sea Jazz Festival è la volta dei No Game 5et

Al Messina Sea Jazz Festival è la volta dei No Game 5et
Gran voce la solista del gruppo, Daniela Spalletta, a ricordare i funambolismi vocali della cantante italiana Edda Dell'Orso.

Leggi tutto: Al Messina Sea Jazz Festival è la volta dei No Game 5et

Porgy and Bess" al Verdura, una rilettura che piace

Nell’accostarsi a un capolavoro ormai consegnato alla storia, in questo caso “Porgy and Bess” di George Gershwin, il pendolo interpretativo solitamente oscilla tra l’adesione filologica a una versione di riferimento e la più ampia libertà di reinvenzione.

Leggi tutto: Porgy and Bess" al Verdura, una rilettura che piace

Orchestra, cori e tip tap: Duke Ellington diventa un grande show

Nelle sue scelte estetiche Gaetano Randazzo non ha mai amato banalità o soluzioni prevedibili. Anche di fronte a pagine “intoccabili” come i tre Concerti Sacri di Duke Ellington, da lui riassunti nel “Sacred Concert” diretto mercoledì sera al Teatro di Verdura per il conservatorio Bellini, l’idea che ha sorretto la bacchetta siciliana nella riscrittura dei brani e nel taglio esecutivo richiesto all’organico ha seguito percorsi poco battuti, a volte anche rischiosi e, com’è nel suo stile, più attenti all’essenza che non alle forme.

Leggi tutto: Orchestra, cori e tip tap: Duke Ellington diventa un grande show

/